Pubblicato da & pubblicato in Itinerari.

L’11 novembre in moltissimi comuni d’Italia si celebra la Festa di San Martino. Tra le regioni in cui la festa è particolarmente sentita troviamo la Sicilia, la Puglia e il Veneto. I festeggiamenti variano molto per attività e pietanze da regione a regione. Vi proponiamo due destinazioni speciali dove unirvi ai festeggiamenti per la festa patronale: il Salento e la Sicilia.

 

Nel Salento, San Martino si festeggia spesso in compagnia degli amici, tra chiacchiere, vino novello e castagne. La festa cristiana vuole rievocare il senso di solidarietà e carità che ha contraddistinto Martino di Tours che cedette parte del suo mantello da soldato ad un mendicante e fu ricompensato dal Signore nella notte ritrovando il mantello nuovamente integro al suo risveglio. Nel Salento la festa più importante si svolge a Taviano dove la statua del patrono viene portata in processione tutti gli anni. Nella notte si festeggia inoltre il capodanno agrario, che simboleggia l’ultimo giorno dell’anno agricolo e l’inizio della nuova annata. Cadendo nei giorni della vendemmia, la festa di San Martino, inoltre, rappresenta per molti la festa del vino novello. In questa occasione, il Salento rende allegoricamente omaggio al mosto che si trasforma in vino rievocando stornelli e proverbi popolari e sfruttando la festa per banchettare fino a tarda notte in compagnia. Tra i piatti di questa tradizione, non perdetevi le pittule (palline di pasta fritta), le castagne e il buon vino di prima spremitura.

Anche intorno al San Martino siciliano si intrecciano le celebrazioni di una tradizione forte e ben radicata. Questa data è simbolicamente associata alla maturazione del vino nuovo e rappresenta un’occasione di ritrovo e festeggiamenti a base di dolci tipici e vino novello. Il tipico proverbio siciliano “s’ammazza lu porcu e si sazza lu vinu” ricorda l’usanza di molte famiglie siciliane di approfittare della festa per macellare il maiale e farne salsicce, prosciutti e salami. Le feste di San Martino si svolgono in diversi paesi dell’isola e sono l’occasione giusta per gustare il pane casereccio e i dolci tipici di questa ricorrenza: i biscotti di San Martino. A Palermo si mangia il biscotto di San Martino bagnato, un biscotto rotondo aromatizzato all’anice inzuppato nel vino moscato. Ma i dolci tipici di San Martino sono molti e diffusi in tutta la Sicilia, come il tricotto, il rasco e il biscotto decorato.

Se state pensando a una destinazione diversa per passare il weekend con i vostri amici o la vostra famiglia, consultate ora le nostre offerte e partite a bordo di uno dei traghetti GNV!