Grandi Navi Veloci e SNAV insieme per la Nave della Legalità

Lunedì 20 Maggio 2013

Grandi Navi Veloci e Snav rinnovano anche quest'anno l'impegno per l'iniziativa «Nave della Legalità», giunta all'ottava edizione e organizzata dal MIUR e dalla Fondazione Falcone.

Il 23 maggio tremila ragazzi, provenienti da associazioni e istituti di tutte le regioni dʼItalia, si imbarcheranno da Civitavecchia e Napoli per raggiungere, in contemporanea, il porto di Palermo, a bordo dei traghetti Snav Toscana e Splendid.

 

A bordo della nave Splendid, insieme ai giovani, viaggeranno Pietro Grasso, presidente del Senato, e il Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, Maria Chiara Carrozza. A Napoli, sul traghetto Snav Toscana, sʼimbarcherà don Ciotti.

La «Nave della Legalità» è un'iniziativa che vuole sottolineare l'impegno dei magistrati antimafia Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, mantenere viva la memoria delle stragi di Capaci e via DʼAmelio, ed essere una testimonianza per i giovani, per ispirarli nella lotta contro le associazioni malavitose: all'ingresso nel porto della città, infatti, la due navi saranno accolte dalle gigantografie dei due magistrati, uniti nella lotta alle mafie e dalla reciproca stima e amicizia.

"La nostra Compagnia è presente in Sicilia fin dal 1993 – sottolinea Roberto Martinoli, presidente di Grandi Navi Veloci – è una terra meravigliosa, accogliente e rappresenta una realtà economica solida e importante. Siamo onorati di partecipare a questa iniziativa: la nostra ammirazione va alle persone che ogni giorno lavorano duramente in nome della legalità, e l'esperienza de «La Nave della Legalità» è una testimonianza concreta del profondo legame che unisce GNV alla Sicilia e in particolare al porto e alla città di Palermo".

"La «Nave della Legalità» – dichiara Raffaele Aiello, Amministratore Delegato di Snav – è nata nel 2006 da un'iniziativa di Snav con la Professoressa Maria Falcone É un'esperienza commovente salutare dal mare, insieme a tremila giovani, la città di Palermo: è una testimonianza tangibile dei nostri sentimenti di vicinanza e solidarietà ai siciliani e, in particolare, ai palermitani. Continueremo a portare avanti questi sentimenti, con lʼaugurio che le navi della legalità possano diventare mille e più".